close
AtalantaNewsPrimo PianoSerie A

Atalanta-Sassuolo, Gasperini:” Difficile dominare 90′, ma globalmente buona gara. Rose da ridurre, ma mi adeguo”

Gian Piero Gasperini si presenta soddisfatto ma si vuole togliere un sassolino dalla scarpa in sala stampa al termine della partita che ha sancito la qualificazione dell’Atalanta in Coppa Italia: “Difficile giocare sempre 90’ di dominio dell’avversario, loro hanno messo certi giocatori in campo e nel finale abbiamo sofferto. Peccato ma globalmente è stata una buona gara. A parte il risultato abbiamo fatto una buona partita sviluppando il gioco e difendendo bene, abbiamo costruito buone linee di passaggio. Questa competizione è un po’ strana, è quasi più un’occasione per chi ha giocato meno. Con tre partite in sei giorni è anche necessario schierare le seconde linee, qualcuno ha fatto particolarmente bene, Cornelius è stato vivace e nel complesso hanno fatto bene un po’ tutti. Vido, Schmidt, Melegoni e Barrow non son potuti entrare ma purtroppo in quindici non si gioca, a me dispiace perché si allenano tutti molto bene in settimana. Non so se avrei messo dentro Barrow sul tre a zero, ce ne sono tanti che avrei messo dentro“.

ROSE AMPIE- “Bisognerebbe ridurre le rose perché queste situazioni non mi piacciono, il mio è un messaggio di rottura, mi adeguo ma non mi piace, è assurdo avere tutti questi giocatori a disposizione. Anche se ne ho cambiati undici ne sono rimasti fuori altri. A Milano arriveremo da un buon momento, conta anche la vittoria di oggi, troveremo una squadra forte e motivata e ho molto rispetto del Milan, sarà una partita difficile ma noi siamo carichi. Dopo il Cagliari abbiamo subito la Roma per cui vediamo cosa arriviamo, a Napoli però cercheremo di superare il turno. Purtroppo il rosso diretto è arrivato a 1’ dalla fine, ma non so su chi abbia fatto il fallo di reazione. I minuti finali erano decisivi per non andare ai supplementari, per questo ho messo dentro Gomez e Ilicic”.

Tags : Atalanta-SassuoloCoppa ItaliaGasperiniRose ampieseconde linee
Marco Alborghetti

The author Marco Alborghetti

Leave a Response