close

Cagliari

Cagliari

Cagliari, la conferenza stampa di Maran

maran-conferenza-stampa-assemini

La conferenza stampa di Maran è fissata per le ore 11:45 in vista del match contro il Bologna di sabato 6 ottobre. Gara delicata quella contro i rossoblu ma che la squadra sarda vorrà di certo onorare. La sfida sarà valida per la 8° giornata di Serie A. Ma non perdiamoci in chiacchiere ed andiamo ad analizzare nel dettaglio la conferenza stampa Maran oggi.

Conferenza stampa Maran oggi

Quali saranno le scelte del tecnico del Cagliari in vista del match contro il bologna? Andiamo a scoprire le parole in conferenza stampa di Maran:

Sarà importante tirar fuori una grande prestazione, così potremo portare a casa i tre punti. I ragazzi si sono allenati bene, domani dovremo mettere in campo tutto quello che abbiamo dentro. Dobbiamo aggiustare alcune cose ma sono convinto che questo Cagliari sia sulla strada giusta: io continuo a puntare forte sui miei ragazzi“.

Sulla rosa:
“Abbiamo più soluzioni davanti, ho ancora tempo per valutare e fare le mie scelte. Farias ha avuto una settimana travagliata, dovremmo recuperarlo. Cerri deve trovare la miglior condizione, è partito in ritardo e ha una struttura pesante da gestire. Siamo contenti del recupero di Ceppitelli, ritroviamo un giocatore importante in difesa. Questa settimana ha fatto i primi allenamenti con i compagni, ora arriverà anche la condizione giusta”.

Sugli avversari:
“Sono in palla, dobbiamo pensare a noi stessi, forti di quel che stiamo facendo, perché i numeri dicono che tiriamo molto, giochiamo tanto in zona gol, occorre essere più feroci e finalizzare meglio quel che creiamo. Non è colpa degli attaccanti, loro sentono il peso del gol che non arriva, ma la ragione è sempre in qualcosa che non ha funzionato prima di arrivare alle punte”.

Termina qui la conferenza stampa di Maran.

read more
AtalantaCagliariEditorialeNewsPrimo PianoSerie A

Atalanta, falsa ripartenza. 0-1 con il Cagliari. Decide Barella su punizione

ataca

Continua l’incubo per i nerazzurri che in campionato si fermano con il Cagliari. I sardi si confermano bestia nera degli orobici

Sotto shock. La Dea aveva l’obbligo di rialzarsi dopo il tonfo europeo per poter continuare a sognare in campionato, ma è arrivato un risultato inaspettato. I nerazzurri incassano così la prima sconfitta dela stagione, e guarda caso l’ultima risaleva ancora contro il Cagliari, ormai dichiaratosi vera e propria “bestia nera” dei nerazzurri. Troppo brutta per essere vera. Gasperini schiera gli undici che stavano meglio dal punto di vista psicofisico, ma forse l’obbligo etico-morale di risorgere dalle ceneri ha svolto un ruolo più che significativo nelle gambe e nella testa degli orobici. Niente mordente, poca lucidità e soprattutto poche idee, forse frutto veramente della stanchezza post Copenaghen. I nerazzurri si affidano a Zapata, Pasalic e Rigoni per risollevare gli animi atalantini, ma i sardi sono bravi ad imbrigliare la manovra offensiva nerazzzurra, nonché il centrocampo. Così la Dea fatica a creare occasioni da gol, e nel mentre cresce sempre più nei ragazzi di Maran la speranza di poter portare a casa qualche punto. I padroni di casa abbozzano qualche tiro dal limite con Freuler o Rigoni, ma la poca lucidità continua a persistere. Il Cagliari fa la classica prestazione da squadra medio-piccola, tattica che alla fine si rivelerà più efficace, perché studiata nei minimi dettagli. Al 28′ sono i sardi ad avere la prima e vera occasione di serata con Sau, ma sul secondo palo l’attaccante sardo non trova nessuno disponibile in area. Alla mezz’ora i nerazzurri si svegliano: ci prova Ali Adnan ( il migliore per distacco) su punizione, ma Cragno è bravo a respingere. Sulla respinta si avventa Rigoni, ma è brava la difesa a chiudere. Al 36′ Rigoni prova a servire Zapata in area, ma il cross viene solo sfiorato dal colombiano. Ora è il Cagliari a spingere, e  allo scadere del primo tempo trova la rete del vantaggio grazie alla punizione di Barella, deviata dall’incauto Pasalic.

Nella seconda frazione Gasperini si gioca la carta Gomez, affidando all’argentino il compito di riacciuffare il pareggio. Dopo cinque minuti, è proprio l’argentino a rendersi pericoloso, ma il suo cross finisce tra le braccia di Cragno. Nei primi dieci minuti regna il nervosismo, frutto anche di una gestione di gara da parte di Maresca totalmente inadeguata. Al 64′ ci riprova l’Atalanta con Rigoni, ma il suo cross in area è preda di Cragno che anticipa in modo provvidenziale Zapata.  Al 73′ Barrow rileva un impalpabile Pasalic, e Gasperini ridisegna la sua squadra con il 4-2-3-1. Tattica che però non risulterà efficace, perché i sardi continuano a chiudersi bene in modo compatto e l’Atalanta non ha più energie né idee per poter pareggiare. All’83’ ci prova Gomez su punizione, ma anche l’argentino non è in forma. All’87’ contatto in area tra Klavan e Zapata, ma Maresca lascia correre, lasciando il beneficio del dubbio. Nei cinque minuti di recupero assegnati nel finale, l’Atalanta prova l’assalto, ma il Cagliari non molla di un centimetro. Finisce 0-1, con il Cagliari che per la seconda volta consecutiva espugna l’Atleti Azzurri.

Squadra stanca e poco lucida, senza ritmo e senza idee. Cagliari più compatto e più convinto di poter fare risultato. La reazione tanto sperata da Gasperini e dai tifosi non è arrivata, forse complice proprio la stanchezza di coppa, ma tra due settimane non ci saranno più scuse. Ora il tecnico di Grugliasco ha tempo due settimane per ritrovare quell’equilibrio che ha reso grande la sua squadra, per poter ripartire al più presto e centrare nuovamente l’Europa, per continuare a sognare. Ben venga la sosta, quindi.

read more
AtalantaCagliariPrimo PianoProbabili FormazioniSerie A

Atalanta-Cagliari, probabili formazioni

Atalanta-Cagliari-curiosità-precedenti-e-probabili-formazioni

Gasperini opta per un turnover. Maran si affida a Pavoletti per conquistare i primi 3 punti della stagione

Cercasi riscatto. L’Atalanta vuole cancellare al più presto la brutta eliminazione dall’EL, tornando a vincere in campionato, ormai rimasto il vero obiettivo stagionale. Dall’altra parte la squadra di Maran ha conquistato un punto nella sfida interna con il Sassuolo, e vorrebbe strappare un buon risultato all’Atleti Azzurri, magari sfruttando proprio la precaria condizione psicofisica dei nerazzurri. Nella passata stagione, i sardi si sono rivelati una bestia nera per gli orobici, uscendo sconfitti da entrambe le sfide di campionato. Le due squadre non pareggiano in a dal 2013.

COME ARRIVA L’ATALANTA- I nerazzurri hanno l’obbligo di vincere per poter riprendersi dalla beffa del Telia Parken. In campionato nelle prime due giornate sono arrivate una vittoria ed un pareggio. All’Olimpico Gasperini optò per un turnover massiccio in vista della sfida di EL. Non è da escludere che possa replicare la stessa scelta anche domani sera. La condizione psicofisica svolgerà un ruolo fondamentale nelle scelte del tecnico di Grugliasco. In difesa gli acciaccati Toloi e Masiello potrebbero riposare.Al ooro posto Mancini e Djimsiti. Sulle fasce torna Hateboer, assieme ad Ali Adnan. In mediana possibile impego dal 1′ di Pessina e Valzania come con la Roma, ma rimane il ballottagiio con Freuler. In attacco, Barrow rileva uno stanco Zapata. Ballottaggio Rigoni/Gomez, con l’ex Zenit che potrebbe riconfermarsi dal 1′.

COME ARRIVA IL CAGLIARI- Risale allo scorso febbraio l’ultimompareggio esterno per il Cagliari (0-0 con il Sassuolo), poi due successi e sei sconfitte per i sardi. Pavoletti è l’uomo del momento, nonchè peggiore oericolo per l’Atalanta, visto che in otto sfide con i nerazzurri è andato a segno quattro volte. Maran si affiderà proprio a lui per cercare di intimidire i padroni di casa. Ancora out per squalifica Joao Pedro e Ceppitelli per guai fisici. Confermato Klavan in difesa. Spazio sulle fasce a Srna e all’ex Padoin

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Djimsiti, Mancini, Masiello; Hateboer, Pessina , De Roon, Ali Adnan; Pasalic, Rigoni; Barrow  Allenatore:Gasperini.

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Srna, Klavan, Romagna, Padoin; Castro, Cigarini, Barella; Ionita; Pavoletti, Sau.  Allenatore: Maran

ARBITRO: Maresca della sezione di Napoli.

read more
AtalantaCagliariCalciomercatoChievo VeronaInterNewsPrimo PianoRomaSampdoriaSerie A

Atalanta, ufficiale Bettella dall’Inter. Si seguono Castro e Defrel.

DSC_0564

L’Atalanta ha ufficializzato l’acquisto di Davide Bettella, difensore classe 2000, fresco vincitore del campionato Primavera con l’Inter. Saranno 7 i milioni che la squadra meneghina incasserà da Percassi, con conseguente passaggio inverso di Bastoni che invece partirà destinazione Inter. In entrata la società nerazzurra continua a guardarsi attorno, ma si sta prendendo tempo, visto che tutto ( compreso il mercato) dipenderà dal giudizio dell’Uefa sulla situazione societaria-economica del Milan. La trattativa per Tumminello è rimasta in stand-by, ma la Dea continua a monitorare Defrel, ormai ai margini del progetto e in cerca di nuova sistemazione. Complicata è anche la pista che porta a Lucas Castro. Il centrocampista del Chievo, dopo tre stagioni, potrebbe lasciare il club clivense. Il Cagliari sembra in vantaggio, ma l’Atalanta spera di poter sfruttare il fattore “amicizia” di Papu Gomez per convincerlo ad accasarsi a Bergamo. Riscattato ufficialmente Gollini, ora per l’Atalanta c’è abbondanza in porta, visto il rientro di Marco Sportiello, non riscattato dalla Fiorentina. La Sampdoria a breve potrebbe perdere Viviano destinazione Parma e starebbe pensando proprio al portiere orobico come sostituto.

read more
AtalantaBolognaCagliariCalciomercatoNewsPrimo PianoSerie AUltim'Ora

Mercato Atalanta, Orsolini al Bologna. Tentativo lampo per Diego Farias

orso3

L’infortunio di Verdi ha accelerato l’arrivo anzitempo di Riccardo Orsolini che stamattina ha lasciato Bergamo. Al termine delle visite mediche di rito, l’attaccante classe ’97 firmerà il suo nuovo contratto che lo legherà ai felsinei per 18 mesi. Nel contratto, prevista una formula di riscatto e controriscatto da parte della Juventus, squadra detentrice del cartellino. La partenza quasi inaspettata dell’ex Ascoli non è di certo piaciuta a Gaspeirini che ha espressamente richiesto un sostituto per completare la rosa. Nome caldo rimane quello di Diego Farias. L’attaccante del Cagliari gradirebbe la nuova meta, ma il presidente Giulini lo lascerebbe partire per una cifra pari a 6/7 milioni.

read more
AtalantaCagliariCalciomercatoNewsPrimo PianoSerie ASpal

Atalanta, oggi la firma di Kurtic con la Spal. Farias scontento al Cagliari, si lavora sul prezzo

DSn9xaQV4AcetF_

Ormai ci siamo, Jasmin Kurtic tra poche ore giungerà a Ferrara e metterà ufficialmente la firma sul suo contratto che lo legherà per quattro anni al club spallino. Per il dopo Kurtic, la società nerazzurra si sta guardando attorno. Occhi puntati su Diego Farias del Cagliari, già messosi in mostra poche settimane fa a Bergamo in occasione del match di campionato. Continua il mal di pancia dell’attaccante, scontento a Cagliari, ma Giulini non ha nessuna intenzione di farlo partire, se non per una cifra intorno ai 9-10 milioni. Sul giocatore rimane sempre vigile la Dea, Chievo e Bologna.

read more
AtalantaCagliariCalciomercatoNewsSerie A

Mercato Atalanta, Kurtic seguito da Cagliari e Spal. Cabezas nelle prossime ore in prestito all’Avellino

cabezas-550124.660×368

Jasmin Kurtic, centrocampista dell’Atalanta, sembra avere corteggiatori. Infatti, con l’arrivo del suo connazionale Ilicic, il centrocampista sembra non rientrare più nei piani tattici di Gasperini, ma la società  non ha nessuna intenzione di cedere anzitempo suoi giocatori simbolo fino al termine della stagione. Su di lui Cagliari e Spal, alla ricerca di un centrocampista di qualità e quantità. In uscita ( almeno per il prossimo anno) è atteso nelle prossime ore il passaggio di Bryan Cabezas all’Avellino. L’esterno offensivo ecuadoriano classe ’97 di proprietà della Dea tornerà dal prestito in Grecia al Panathinaikos per vestire la maglia del club irpino. L’ufficialità è attesa entro giovedì prossimo.

read more
AtalantaCagliariNewsPrimo PianoProbabili FormazioniSerie A

Atalanta-Cagliari, le probabili formazioni

atalanta-cagliari-696×391

L’Atalanta chiuderà il girone di andata ospitando all’Atleti Azzurri il Cagliari di Lopez, puntando alla cifra tonda di 30 punti al giro di boa. La squadra di Gasperini è imbattuta da ben 5 partite ( ultima a san siro contro l’Inter 2-0) e non sembra intenzionata più a fermarsi, galvanizzati dalla perfetta prestazione messa in campo con il Milan. I sardi, dopo l’ennesima sconfitta incassata con la Fiorentina, ora iniziano a sentire il fiato sul collo delle inseguitrici in chiave salvezza e vogliono chiudere l’anno con una vittoria che potrebbe portarli fuori dalle zone calde. In casa nerazzurra, l’unico indisponibile è Palomino, causa infortunio in allenamento. Al suo posto confermato Toloi nella classica difesa a tre. In attacco Gomez e Petagna sono inamovibili, ma visto lo splendido stato di forma di Ilicic, lo sloveno ha buone possibilità di partire dal 1′, con Cristante che ritornerebbe nella sua usuale posizione di mediano accanto a Freuler. In casa cagliaritana, Lopez dovrà fare ameno del suo numero 10 Joao Pedro, stangato con 4 giornate di stop dal giudice sportivo. Al suo posto toccherà a Farias agire alle spalle dell’intoccabile Pavoletti. A centrocampo torna dalla squalifica l’ex Cigarini che affiancherà l’altro ex di giornata Padoin in un folto centrocampo a 5.

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Hateboer, Cristante, Freuler, Spinazzola; Ilicic; Gomez, Petagna.  Allenatore: Gasperini.

CAGLIARI (3-5-1-1): Cragno; Romagna, Andreolli, Pisacane; Faragò, Barella, Cigarini, Ionita, Padoin; Farias; Pavoletti. Allenatore: Lopez.

read more
AtalantaCagliariNewsPrimo PianoSerie AUltim'Ora

Atalanta-Cagliari, l’Inter osserva due talenti

Cristante.Barella.combo.1080×648

Nessuna missione in incognito, anzi, l’Inter è decisa a contrattare alla luce del sole. Dopo i recenti risultati deludenti, la società meneghina sta cercando nuovi giocatori per poter rafforzare la squadra in chiave futura. Per questo motivo, domani pomeriggio alcuni osservatori della squadra nerazzurra saranno presenti all’Atleti Azzurri in occasione della sfida tra Atalanta e Cagliari. Sotto la lente d’ingrandimento ci saranno Bryan Cristante e Barella, forse i due centrocampisti italiani più promettenti dell’ultima stagione. Ausilio e Sabatini da mesi non nascondono un interesse verso i due talenti, e già qualcosa potrebbe concretizzarsi nell’imminente sessione di mercato. Il piano di Ausilio è semplice: bloccare subito Barella per giugno, offrendo se necessario 25 milioni. L’ok di Giulini ancora non c’è stato, ma sicuramente l’Inter porterà avanti la trattativa, magari inserendo qualche contropartita. Per Bryan Cristante la questione è leggermente più complicata. L’exploit dell’ex Milan è sotto gli occhi di tutta europa, soprattutto in Spagna, dove Simeone sarebbe disposto ad offrire 40 milioni per il gioiello nerazzurro. Inoltre, in Italia l’Inter dovrebbe vedersela fino alla fine con la solita Juventus, in un derby che è destinato a durare in eterno. Una cosa è certa: fino a giugno entrambi rimarranno nelle rispettive squadre, ma l’impressione è che già questa sessione di mercato possa essere decisiva .

read more
1 2
Page 1 of 2